Yakutian laika


Lo Yakutian Laika ( russo : Якутская лайка ) è un’antica razza di cani da lavoro che ha avuto origine nella costa artica della Repubblica di Sakha (Yakutia) . L’habitat principale sono gli estuari di Kolyma , Indigirka , Yana e Lena . In termini di funzionalità, Yakutian Laikas potrebbe servire come cane da pastore di renne (olenegonka), cane da cacciatore e cane da slitta . A settembre 2019, la FCI ha accettato ufficialmente la razza.

Yakutian laika
Classificazione FCI – n. 365
Gruppo5 Cani tipo Spitz e tipo primitivo
Sezione1 Cani nordici da slitta
Standard n.365
OrigineRussia
Altri nomiYakut Laika, Yakustkaya Laika, Kolyma-Indigirka Laika, Laïka de Iakoutie, Chien de Traîneau de Yakutie, Laika de Yakutia, Kolyma Husky
Altezza al garreseMaschio 55–59 cm ,Femmina 53–57 cm
CappottoDoppio rivestimento, con un sottopelo spesso e lanuginoso, e una mano più lunga e ruvida.
ColoreUn’ampia varietà di colori e segni, ma abbastanza comunemente in bianco e nero o bianco solido. Può anche essere bianco con macchie, tricolore, marrone e grigio. Il nero solido è l’unico colore non consentito dallo standard RKF Breed

Storia

I Lakas yakutiani furono sviluppati nell’antichità dagli Yakut nativi coinvolti nella caccia ai mammiferi e agli uccelli; i cani erano assistenti indispensabili. Si dimostrarono una risorsa preziosa e divennero compagni degli Yakut. Nella lingua Sakha , questa razza è conosciuta come “Sakha yta” che significa “cane Yakut”.

Descrizione

Questo è un cane versatile con un eccellente senso dell’olfatto, dell’udito e della vista, forte desiderio di caccia, resistenza; sono aggressivi per i predatori e morbidi e delicati per l’uomo. Sono multiuso, hanno un eccellente senso dell’olfatto, tono assoluto e buona vista. I Laika yakutiani non esigono condizioni di vita e sopportano facilmente il clima ostile della Siberia settentrionale. In dure condizioni siberiane rivelano la loro resistenza; tendono a lavorare in piccoli gruppi e possono lavorare tutto il giorno, dall’alba al tramonto. La popolarità della slitta trainata da cani è apparsa con l’arrivo dei commercianti russi nell’Artico.

Con la crescente domanda di volpi polari bianche nel 17 ° secolo, l’esplorazione dell’Artico ha ricevuto il suo picco. Il commercio di pellicce e zanne di mammut divenne il reddito principale delle nazioni locali. L’origine e la successiva formazione della razza non sono ancora del tutto note, ma a causa del difficile accesso al paese e delle condizioni naturali estreme, i Lakka yakutiani hanno vissuto come razze aborigene primitive; raramente venivano confinati e accoppiati liberamente. Naturalmente, i cani di tipo locale potevano essere preservati solo in condizioni di completo isolamento dai cani di altre razze. Le prime descrizioni scientifiche dei cani di Yakutia furono pubblicate alla fine del 18 ° secolo, quando furono condotti i primi studi geografici del nord. Il principe Shirinsky-Shikhmatov scrisse nella sua monografia su Laikas: “I ricercatori del nord, ovviamente, non potevano trascurare il cane del nord;non potevano essere in disaccordo con i fatti concreti che la presenza di questo cane rende possibile la vita della gente del nord.

È ancora più strano che così poca attenzione sia stata prestata alla descrizione dei cani del nord; il loro tipo aborigeno ancestrale e numerose varietà rimangono oscuri. Esistono tanti tipi di Laikas come le minoranze etniche del nord; le varietà di Laikas differiscono nettamente l’una dall’altra, ognuna ha le sue peculiarità e la loro divisione è indiscutibile ”. Questa monografia fu scritta nel 1898. La Russian Geographic Society affidò a Maak il compito di indagare sul distretto di Vilyuisk. “La recensione del distretto di Vilyuiks della Yakutian Provionce” fu pubblicata nel 1877. Maak scrisse: “Ho visto un cane dall’aspetto molto tipico e molto comune in Siberia, che era simile alla volpe”. Nel 1896, VL Seroshevsky pubblicò un libro “Yakuts”, edito da NI Veselovsky. Descrivendo i cani di Yakuts, Seroshevsky li divide in due gruppi, 1) cani da guardia e da caccia e 2) cani da slitta marittima.Ha scritto: “anche il più povero Yakut non ha altri animali, ha almeno un cane”. Yokhelson (Johelson?), 1898, nella sua pubblicazione “Industria della caccia nel territorio di Kolyma nella provincia di Yakutian” e descrisse il Tungus Lajka usato per i cani da slitta e da caccia.

Ha scritto: “Ci sono due razze di cani, uno è il cosiddetto Tungus Laika, un cane dalle orecchie a punta di pastori nomadi renne e cane da slitta polare”. Tutti i ricercatori hanno descritto i cani di Yakutia come una razza di “cani da slitta polare”. Yokhelson ha scritto: “Il cane da slitta è un animale da soma non solo dei nomadi che vivono in un paese non boscoso, ma anche di insediamenti vicino al fiume russi e minoranze russificate e il cane della maggior parte del bestiame che tiene Yakuts. Ad eccezione della parte sud-occidentale del territorio, in ogni yurta si possono trovare 5-6 cani, che vengono utilizzati per trasportare legna da ardere e altre opere necessarie alla famiglia. Il cane polare non è grande, 50-60 cm alla spalla … All’apparenza, con le orecchie a punta, gli occhi obliqui, il pelo spesso e la testa larga e massiccia, il muso appuntito, la coda bassa portata (quando il cane è stanco, mangia o di cattivo umore), il cane è molto simile al lupo.Tra questi, ci sono cani shaggy e museruola un po ‘smussata non diversa dai nostri Spitz … Generalmente, il tipo di cane da slitta Kolyma è diverso e, forse, è un mix tra Kamchatka ed Eskimo cani da slitta con un’altra razza importata. ”

È ovvio che altri cani si sono trasferiti qui insieme a nuovi immigrati. Sia Seroshevsky che Yokhelson descrissero allo stesso modo lo Yakutian Sled Dog: “Gambe relativamente spesse e corte, il torace, che viene usato per tirare le slitte, si è sviluppato perfettamente; il collo è spesso e corto. Il viso è insolitamente intelligente e con espressione malinconica o cupa ”. In linea di principio, lo è ancora oggi e i cani sono cambiati poco con la diffusione della civiltà nel nord dello Yakut. 

 

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*