GASCON SAINTONGEOIS

GASCON SAINTONGEOIS
Classificazione FCI – n° 21
Gruppo6 – Segugi, Cani per pista di sangue e Razze affini
Sezione

Grande : 1.1 – Segugi di taglia grande,con prova di lavoro

Piccolo : 1.2 segugi di media taglia,con prova di lavoro

Standard n.N° 21 / 31.03.2010
OrigineFrancia
Nome originaleGASCON SAINTONGEOIS
Utlizzazione

Grande Gascon Saintongeois : Cane utilizzato per la caccia a tiro, e talvolta nella caccia a seguita della grossa selvaggina, ma anche per la caccia alla lepre, di solito in muta o da solo come limiere.

Piccolo Gaston Saintongeois : Cane polivalente utilizzato per la caccia con lo sparo. La sua origine ne fa uno specialista per la lepre, ma caccia anche molto bene la grossa selvaggina

STORIA

Grande : Verso la metà del 19° secolo, il Conte Joseph de Carayon-Latour, per rigenerare la razza dei Cani di Saintonge che stava declinando, ne incrociò gli ultimi esemplari rimasti con i Blu di Guascogna del Barone di Ruble, creando così il Gascon Saintongeois, ma provocando l’estinzione del Cane di Saintonge.

Piccolo : Verso la metà del XX° secolo, alcuni cacciatori del Sud-Est selezionarono i soggetti più piccoli delle loro cucciolate di Grand Gascon Saintongeois e fissarono così questa nuova varietà. All’inizio era principalmente destinata all’inseguimento della lepre.

COMPORTAMENTO-CARATTERE

Cane da muta per eccellenza, dall’olfatto fine, intraprendente, dotato di una voce sonora. Si unisce alla muta istintivamente. Calmo, affettuoso, si sottomette facilmente agli ordini.

PROPORZIONI IMPORTANTI

  • Altezza al garrese / lunghezza scapolo-ischiale nel rapporto di 10 / 10,5
  • Lunghezza del muso uguale a quella del cranio

ASPETTO GENERALE

Grand : Cane molto ben costruito, che dà subito l’impressione di forza e di eleganza. Nella testa, mantello, ed espressione, corrisponde bene al tipo francese. 
Petit: Cane di media taglia ben proporzionato; distinto
 

Testa

Le linee del cranio e del muso sono divergenti.

Regione del cranio

    • Cranio : Visto di fronte, bombato e piuttosto stretto; l’ occipite è ben marcato.Visto da sopra, la parte posteriore è di forma ogivale pronunciata
    • Stop : Solo appena marcato

Regione del muso

    • Tartufo : Nero; ben sviluppato; narici ben aperte
    • Muso : Canna nasale forte, leggermente montonina
    • Labbra : Ricoprono di stretta misura la mascella inferiore; commessura non appariscente. Il bordo delle labbra è di colore nero
    • Mascelle : Chiusura a forbice. Incisivi impiantati perpendicolarmente alle mascelle
    • Guance : Asciutte
    • Occhi : Di forma ovale; bruni. Rime palpebrali nere. Espressione dolce e fiduciosa 
    • Orecchi : Fini, ben rigirati in dentro, devono arrivare almeno all’estremità del tartufo. Sono attaccati al di sotto della linea dell’occhio e piuttosto indietro, lasciando ben libero il cranio

Collo

Di media lunghezza e spessore. Leggermente arcuato, con poca giogaia.

Corpo

    • Dorso : Molto fermo e non eccessivamente lungo
    • Rene : Ben inserito, leggermente arcuato, abbastanza muscoloso, non troppo lungo
    • Groppa : Di buona lunghezza, leggermente obliqua
    • Torace : Ampio, lungo; disceso fino al livello del gomito. Petto abbastanza aperto.
    • Costole : Leggermente cerchiate e lunghe.
    • Profilo inferiore e ventre : Leggermente rilevati

Coda

Robusta all’attaccatura; molto affilata all’estremità, arriva fino alla punta del garretto. È portata elegantemente a sciabola

Arti

Arti anteriori

    • Aspetto generale : Anteriore potente
    • Spalla : Abbastanza lunga, muscolosa; mediamente obliqua
    • Gomiti : Aderenti al corpo
    • Avambraccio : Struttura ossea forte
    • Piedi interiori : D’un ovale leggermente allungato, dita asciutte e chiuse. Cuscinetti e unghie nere

Arti posteriori

    • Aspetto generale : Ben proporzionati
    • Coscia : Lunga e ben muscolosa
    • Garretto : Ampio, ben angolato; ben disceso

Andatura

Regolare e facile

Mantanello

    • Pelo : Corto e fitto
    • Colore : Il fondo è bianco con macchie nere, talvolta moschettato, ma senza esagerazione. Ai due lati della testa vi sono due macche nere che ricoprono gli orecchi, circondano gli occhi e si arrestano alle guance. Le guance sono color fuoco, preferibilmente pallido.
      Due focature sopra l’arcata sopracciliare danno l’aspetto“quattroeillé” Tracce di focature si trovano nella parte interna degli orecchi e sotto forma di picchiettature lungo gli arti; sulla parte superiore dell’orecchio possono apparire dei peli fulvi, senza che però la testa assuma un aspetto tricolore. A volte si presenta in fondo alla coscia una macchia tipica color foglia morta, detta “marchio del Capriolo”

Taglia e peso

Altezza al garrese

    • Grande
      • Maschi                   da 65 a 72 cm
      • Femmine             da 62 a 68 cm
    • Piccolo
      • Maschi                  da 56 a 62 cm
      • Femmine            da 54 a 59 cm

Con una tolleranza di più o meno 1 cm

DIFETTI

Qualsiasi deviazione da quanto sopra deve essere considerato come difetto che sarà penalizzato a seconda della sua gravità e delle sua conseguenze sulla salute e il benessere del cane

  • Testa : 
    • Corta
    • Cranio largo
    • Orecchi corti, inseriti alti
    • Mancanza totale di focature
  • Corpo :
    • Mancanza di sostanza
    • Dorso molle
    • Groppa avvallata
    • Coda deviata
  • Arti :
    • Struttura ossea insufficientemente sviluppata
    • Spalle troppo oblique o troppo diritte
    • Piedi molli
    • Angolazione del posteriore non sufficiente
    • Garretti vaccini

Difetti eliminatori

    • Soggetto aggressivo o pauroso
    • Mancanza di tipicità, e in particolare cranio largo e rotondo
    • Enognatismo o prognatismo
    • Occhi chiari
    • Qualsiasi altro mantello diverso da quello indicato nello standard

Qualsiasi cane che presenti, in modo evidente, delle anomalie d’ordine fisico o comportamentale, sarà squalificato.

N.B.

    • I maschi devono avere due testicoli apparentemente normali completamente discesi nello scroto

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*