Dogue de Bordeaux

Il dogue de Bordeaux è una razza canina molossoide di tipo “dogue” originaria della Francia riconosciuta dalla FCI ( standard N. 116, Gruppo 2, Sezione 1 ).

È un cane docile con il padrone, discreto e non invadente. Come tutti i molossoidi, abbaia solo quando è necessario. Se possibile adora trascorrere la maggior parte del tempo con il suo padrone. Le principali varietà dei dogue de Bordeaux sono due e si differenziano per il colore della maschera: nera o rossa. Ha le caratteristiche di un atleta: prestanza, forza fisica, agilità e resistenza alla fatica. Ma a volte anche un po’ di pigrizia.

Dogue de Bordeaux
Classificazione FCI – n. 116
Gruppo2 Cani di tipo Pinscher e Schnauzer, molossoidi e cani bovari svizzeri
Sezione2 Molossoidi
Standard n.116
Nome originaleDogue de Bordeaux
Tipomolossoidi
OrigineFrancia
Altezza al garreseNel maschi tra i 60 e i 68 cm e le femmine tra i 58 e 66 cm
Peso idealei maschi devono pesare almeno 50 kg e le femmine almeno 45 kg

Storia

Il Dogue de Bordeaux era conosciuto in Francia già nel XIV secolo, in particolare nella Francia meridionale nella regione intorno a Bordeaux . Quindi, la città ha dato il nome a questo grosso cane. La razza è stata esposta per la prima volta in Francia nel 1863, dopo di che ha guadagnato popolarità non solo nel loro paese d’origine, ma in altre parti del mondo. Il primo record di Dogue de Bordeaux nel Regno Unito è stato pubblicato nella Kennel Club Gazette nel 1897. La razza è stata ufficialmente riconosciuta dal Kennel Club (Regno Unito) nel 1997 , ma non è stata fino al 2001 che il Kennel Club (Regno Unito) ha accettato uno standard di razza provvisorio. Un tipo di razza uniforme del cane bordolese non esisteva prima del 1920 circa.I francesi hanno posto l’accento sul mantenimento puro della vecchia linea di riproduzione. Le maschere nere erano considerate un’indicazione della traversata del mastino inglese . Come importante indicazione della purezza della razza, è stata prestata attenzione al naso auto-colorato (rosa), al colore degli occhi più chiaro (ambra scuro) e alla maschera rossa. Originariamente erano allevati con teste enormi; un pioniere della razza in Germania.Il Dogue de Bordeaux un tempo era conosciuto per venire in due varietà, Dogues e Doguins, il Dogue essendo considerevolmente più grande del Doguin. Il più piccolo Doguin è appassito a nient’altro che una menzione nei libri di storia della razza, e non esiste più.

Si ritiene che la storia della razza sia anteriore al Bullmastiff e al Bulldog .Si dice che il Dogue si trovi sullo sfondo del Bullmastiff, e altri sostengono che le razze Dogue e Mastino fossero entrambe realizzate allo stesso tempo. Un’altra teoria è che il Dogue de Bordeaux proviene dal mastino tibetano e si dice anche che il dogue sia legato ai molossoidi greco-romani usati per la guerra.

Poiché esisteva una razza simile al Dogue de Bordeaux a Roma al tempo del regno di Giulio Cesare, probabilmente una cugina del Mastino Napoletano . Altri suggeriscono che il Dogue de Bordeaux è un discendente di una razza che esisteva nell’antica Francia, i Dogues de Bordeaux dell’Aquitania .Qualunque teoria sia vera, il Dogue de Bordeaux condivide gli stessi legami comuni di tutti i molosser moderni.

Il Dogue de Bordeaux una volta era classificato in tre varietà, il parigino, il Tolosa e il Bordeaux, tipi che venivano allevati a seconda della regione della Francia e dei lavori che doveva svolgere. Il dogue de Bordeaux ancestrale aveva vari colori del mantello, come il tigrato e la maggior parte delle macchie bianche che portavano completamente sulle gambe. Aveva morsi a forbice in alcune regioni, scarsamente colpito in altre; una testa grande o una testa piccola, un corpo grande o un corpo piccolo; molto incoerente nel tipo. Un altro aspetto controverso era la maschera, rossa (marrone), nera o nessuna. Il Dogue de Bordeaux di Bordeaux dell’epoca sfoggiava anche orecchie tagliate. Indipendentemente da ciò, aveva un tipo generale simile all’attuale Dogue de Bordeaux.

Allevamento

Nel 1863, la prima mostra canina si tenne al ” Jardin d’Acclimatation ” di Parigi, in Francia. La vincitrice del Dogue de Bordeaux fu una femmina di nome Magenta. Il Dogue de Bordeaux è stato quindi dato il nome della capitale della sua regione di origine, oggi Dogue de Bordeaux.Durante gli anni ’60, un gruppo di allevatori del Dogue de Bordeaux in Francia, guidato da Raymond Triquet, lavorò alla ricostruzione della fondazione della razza. Nel 1970, un nuovo standard è stato scritto per la razza, con l’ultimo aggiornamento del 1995. Questo standard è la base dello standard scritto per l’AKC nel 2005.Sebbene il Dogue de Bordeaux arrivò per la prima volta negli Stati Uniti negli anni 1890 per l’anello dello spettacolo, il primo documentato Dogues de Bordeaux dei tempi moderni apparve nel 1959 con il nome di Fidelle de Fenelon. Tra il 1969 e il 1980, i Dogues de Bordeaux importati negli Stati Uniti erano scarsi, limitati ad alcuni allevatori che lavoravano a stretto contatto con il Club francese Dogue de Bordeaux, il SADB. La razza fu introdotta per la prima volta “ufficialmente” agli appassionati di razza americana in un articolo scritto nel 1982 dall’antropologo americano Dr. Carl Semencic per la rivista Dog World . Quando fu pubblicato il primo articolo di Semencic sulla razza, negli Stati Uniti non c’erano Dogues de Bordeaux. Rimanevano 600 esempi nel mondo, principalmente in Francia, Paesi Bassi e Berlino Est, e il numero della razza era in declino. Molto più tardi, nel 1989, la tipica famiglia americana ha visto per la prima volta il Dogue de Bordeaux sul grande schermo nel film di Touchstone Turner & Hooch su un poliziotto e il suo partner canino.

Da allora, il Dogue de Bordeaux ha preso piede negli Stati Uniti e può essere trovato in numero crescente in tutto il paese. Il Dogue de Bordeaux è stato supportato da più club di razza nel corso degli anni e ha finalmente trovato la sua strada per il pieno riconoscimento dell’American Kennel Club attraverso l’assistenza della Dogue de Bordeaux Society of America. Dal 1997, la società ha contribuito a portare la razza al punto in cui si poteva ottenere il pieno riconoscimento dell’AKC.

Aspetto

Il Dogue de Bordeaux è un cane ben equilibrato, muscoloso e massiccio con una corporatura potente. La distanza dal punto più profondo del torace al suolo è leggermente inferiore alla profondità del torace. Una testa massiccia con proporzioni e caratteristiche adeguate è una caratteristica importante della razza.La razza è leggermente abbassata al suolo e non è alta come il mastino inglese . Il corpo del Dogue de Bordeaux è spesso, con una linea superiore che presenta un leggero tuffo (la linea superiore non è mai completamente diritta) e una groppa delicata e arrotondata. Le zampe anteriori devono essere diritte e con ossatura pesante, ben sollevate sui pastori, fino a piedi stretti come un gatto. La coda dritta, che inizia spessa alla base e poi si assottiglia fino a un punto alla fine, non dovrebbe raggiungere più in basso dei garretti, ed è impostata e portata bassa. La razza deve essere presentata in condizioni completamente naturali con orecchie, coda e speroni naturali intatti. Dovrebbe essere valutato allo stesso modo per correttezza in conformazione, temperamento, movimento e solidità strutturale complessiva.

Peso

Gli standard di razza della FCI europea e dell’AKC specificano un peso minimo di 99 libbre (45 kg) per una femmina e 110 libbre (50 kg) per un maschio.Non esiste un peso massimo dichiarato formalmente, ma i cani devono essere bilanciati per quanto riguarda il loro tipo generale e gli standard di conformità della razza. 

Altezza

Lo standard afferma che l’altezza desiderabile, alla maturità, dovrebbe variare tra 61 e 69 cm (24-27 pollici) per i cani maschi e tra 58 e 66 cm (23-26 pollici) per le femmine.La deviazione da questi margini è considerata un errore.

Head

La testa massiccia è una caratteristica di razza cruciale. Si dice che il Dogue de Bordeaux abbia la testa più grande del mondo canino, in proporzione al resto del corpo. Per i maschi, la circonferenza della testa, misurata nel punto più largo del cranio, è all’incirca uguale all’altezza del cane al garrese (spalle). Per le femmine, la circonferenza potrebbe essere leggermente inferiore. Vista dalla parte anteriore o dall’alto, la testa del dogue forma una forma trapezoidale con la linea superiore più lunga del cranio e la linea più corta della mascella inferiore, formando i lati paralleli del trapezio. La mascella è bassa e potente. Il Dogue dovrebbe sempre avere una maschera nera o rossa che può essere distinta dal resto del mantello attorno e sotto il naso, compresi le labbra e i bordi degli occhi. Il colore del naso nei cani con la maschera rossa dovrebbe essere marrone, nei cani con la maschera nera, deve essere nero. Il muso dovrebbe essere al massimo un terzo della lunghezza totale della testa e non inferiore a un quarto della lunghezza della testa, essendo l’ideale tra i due estremi. Il labbro superiore pende pesantemente sulla mascella inferiore. Le labbra superiori del Dogue de Bordeaux pendono sulle labbra inferiori. La pelle del collo è allentata, formando una notevole giogaia, ma non dovrebbe assomigliare a quella di un mastino napoletano . Piccole orecchie pendenti sopra la testa, ma non dovrebbero essere lunghe e simili a un segugio.

Cappotto

Lo standard specifica che il pelo è “corto, fine e morbido al tatto”. Il colore varia dalle tonalità del fulvo (rosso chiaro, ramato) al mogano (rosso scuro, marrone) con una maschera nera, marrone o rossa, sebbene la maschera rossa sia fedele alla razza. I segni bianchi sono consentiti sulla punta delle dita e sul petto, ma il bianco su qualsiasi altra parte del corpo è considerato un difetto e squalificante se la pigmentazione va oltre il collo.Salute

Salute

Mentre le razze canine più grandi tendono ad avere un’aspettativa di vita più breve, l’aspettativa di vita del Dogue è ancora più breve delle razze anche di dimensioni comparabili o più grandi.Secondo i dati raccolti dalla Dogue De Bordeaux Society of America, la durata media della razza va dai 5 ai 6 anni.Una banca dati veterinaria nel Regno Unito ha mostrato cifre simili.Nel sondaggio americano, il cane più anziano del record aveva 12 anni.La Società sta attivamente registrando cani di età pari o superiore a 7 anni per celebrare i cani di lunga durata.

A causa della sua testa brachicefalica, il Dogue può essere affetto da problemi respiratori . Alcuni possono essere intolleranti al calore o all’esercizio fisico di conseguenza.Lo standard FCI considera l’eccessiva mancanza di respiro e la respirazione roca nel Dogue un grave difetto.La forma della testa brachicefalica può anche incoraggiare l’ ectropion, un rotolamento verso l’esterno della palpebra inferiore, che può portare a congiuntivite (infiammazione dell’occhio) e infezioni batteriche.Secondo il sistema Breed Watch del Kennel Club nel Regno Unito, il Dogue è classificato come una razza di categoria 3 (precedentemente razza di alto profilo), il che significa che è una razza “in cui alcuni cani hanno condizioni o esagerazioni visibili che possono causare dolore o disagio”.

La stenosi aortica è una malattia della valvola cardiaca in cui si restringe l’apertura della valvola aortica. I sintomi includono intolleranza all’esercizio fisico, sincope da sforzo (svenimento da sforzo fisico) e morte improvvisa. Uno studio suggerisce un’alta predisposizione nella razza. Non sono stati riscontrati casi gravi nei cani adulti e i cani più moderati o gravemente colpiti sono deceduti prima di un anno di età, portando gli autori a ipotizzare che la malattia sia più grave nel Dogue che in altre razze.

Un altro problema cardiaco nella razza è la cardiomiopatia dilatativa , una condizione in cui il cuore si indebolisce e si allarga e non può pompare il sangue in modo efficiente. Alcuni cani affetti possono morire improvvisamente senza mostrare segni di problemi. Altri possono morire per insufficienza cardiaca congestizia dopo diverse settimane o mesi. I cani colpiti sono spesso eutanizzati in una fase precoce per evitare la sofferenza.

Si stima che il 5% dei cani possa essere affetto da ipercheratosi del poggiapiedi, ispessimento del poggiapiedi e talvolta naso.Le lesioni di solito si verificano all’età di 6 mesi.I raggi X sottoposti volontariamente alla Fondazione ortopedica per animali mostrano che oltre il 50% dei dogue nel database è affetto da displasia dell’anca . Oltre il 21% è affetto da displasia del gomito . Circa il 3% dei dogi soffre di displasia retinica . La lussazione della rotula colpisce circa il 2% dei dogu.

Riproduzione

I dati del Kennel Club norvegese indicano una dimensione media della cucciolata di 8,1 cuccioli (che vanno da 2-17) per la razza. La razza ha un alto tasso di mortalità neonatale e precoce neonatale, con un tasso di mortalità neonatale del 14,2% e una mortalità neonatale precoce (decesso entro 1 settimana dalla nascita) del 10,4%. La media di tutte le razze nello studio era del 4,3% di nati morti e del 3,7% di mortalità neonatale precoce. Escludendo i nati morti e i decessi prematuri, la dimensione media della figliata è di 6.1. I dati del Kennel Club nel Regno Unito mostrano che il 27,8% (5 su 18) delle cucciolate Dogue sono state consegnate per taglio cesareo. 

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*