Spitz Finnico

Cane da Orso della Carelia
Classificazione FCI – n° 49
Gruppo5 Cani di tipo spitz e di tipo primitivo
Sezione2 Cani nordici da caccia, con prova di lavoro solo per i paesi nordici (Svezia Norvegia e Finlandia)
Standard n.N° 49 / 09.08.1999
OrigineFinlandia
Nome originaleSPITZ FINNICO
UtlizzazioneCane da caccia specialmente per uccelli di bosco, ma anche piccoli predatori, uccelli acquatici ed alci. Zelante cacciatore, piuttosto indipendente, coopera tuttavia col cacciatore abbaiando per segnalare la selvaggina

STORIA

L’origine dello Spitz finlandese è sconosciuta. Ma si sa che, da secoli, cani dello stesso tipo dello Spitz finlandese erano stati utilizzati in tutto il paese per qualsiasi tipo di caccia. In origine, lo scopo principale era quello di produrre un cane che segnalasse con la voce la presenza di uccelli sugli alberi e che fosse nello stesso tempo di bell’aspetto. Quando negli anni 1890 si cominciò a iscrivere questi cani nel Libro delle origini, i soggetti dal tipo ben fissato e di particolare utilità, si trovavano principalmente nelle regioni orientali e settentrionali del paese. Il primo standard fu redatto nel 1892. La prima esposizione speciale della razza ebbe luogo nello stesso anno e il primo concorso da caccia alla selvaggina da penna, ebbe luogo nel 1897. Oggi questa razza è molto diffusa tanto in Finlandia che in Svezia. È stata portata avanti partendo da una riserva naturale pura e rappresenta un elemento essenziale della cultura finlandese. Nel 1979, lo Spitz finlandese è stato nominato “Cane nazionale finlandese”

ORIGINI

Lo Spitz finlandese storicamente venne selezionato per la caccia ai volatili, che segnalava abbaiando. Nel 1892 fu redatto il primo standard di razza e fu organizzata la prima esposizione dedicata, mentre nel 1897 ebbe luogo la prima competizione di caccia alla selvaggina da penna.
Nel 1979 è stato dichiarato “cane nazionale finlandese”.

ASPETTO GENERALE

Più piccolo della media taglia, quasi quadrato. Dalle linee asciutte, si presenta bene.

PROPORZIONI I MPORTANTI

  • La lunghezza del corpo è uguale all’altezza al garrese
  • La profondità del torace è leggermente inferiore della metà dell’altezza al garrese
  • La proporzione fra il muso e il cranio è circa 3 : 4
  • Il cranio è un po’ più ampio che lungo; la sua ampiezza è uguale alla sua profondità

COMPORTAMENTO-CARATTERE

Vivace, vigoroso, ardito e determinato. A volte un po’ riservato con gli estranei, ma mai cattivo

TESTA

  • Vista dal davanti ha forma triangolare

REGIONE DEL CRANIO :

  • CRANIO : Visto dal di sopra ha forma di uovo che si allarga gradualmente verso gli orecchi ( qui è il punto più ampio). Visto dal davanti e di lato il cranio è leggermente convesso. Gli assi superiori del cranio e del muso sono quasi paralleli. La sutura metopica è molto superficiale. Gli archi sopraccigliari e l’occipite sono appena visibili
  • STOP : Non molto pronunciato – l’angolo tra la canna nasale e il cranio è però chiaramente marcato.

REGIONE DEL MUSO :

  • TARTUFO : Piuttosto piccolo, nero corvino
  • MUSO : Stretto, asciutto, visto dal di sopra e di lato si assottiglia regolarmente. La canna nasale è diritta. La mascella inferiore è nettamente disegnata
  • LABRRA : Tese, piuttosto sottili e strettamente aderenti. Buona pigmentazione
  • MASCELLE/DENTI : Le mascelle sono forti. I denti sono ben sviluppati e simmetrici.Dentatura normale. Stretta chiusura a forbice
  • GUANCE : Le arcate zigomatiche sono leggermente marcate
  • OCCHI : Di media misura, a forma di mandorla. Leggermente obliqui e preferibilmente scuri. L’espressione è vivace e attenta
  • ORECCHI : Inseriti piuttosto alti, sempre eretti. Piuttosto piccoli, appuntiti, molto mobili e ricoperti di pelo fine.

COLLO

  • Muscoloso, appare piuttosto corto nei maschi a causa del collare fitto; di media lunghezza nelle femmine. Gola senza giogaia

CORPO

  • GARRESE : Nettamente definito, specialmente nei maschi
  • DORSO : Piuttosto corto, diritto e muscoloso
  • RENE : Corto e muscoloso
  • GROPPA :  Di media lunghezza, ben sviluppata e leggermente avvallata
  • TORACE : Profondo, arriva quasi al gomito, non molto largo. Le costole sono leggermente cerchiate; il petto è chiaramente evidente, non molto ampio
  • LINEA INFERIORE : Leggermente rilevata

CODA

  • Ben ricurva verso l’avanti fin dall’inserzione e portata lungo e vicino al dorso, con la punta, rivolta verso il basso e leggermente all’indietro, che si appoggia sulla regione media della coscia. Quando è tirata arriva pressappoco al garretto.

ARTI

ARTI ANTERIORI :

  • ASPETTO GENERALE :Visti dal davanti sono diritti e paralleli. Ossatura media. Il braccio è un po’ più corto della scapola e ell’avambraccio
  • SPALLE : Ferma, molto mobile e relativamente diritta
  • GOMITI : Posti davanti ad una linea verticale tirata dal punto più alto della scapola; puntati direttamente verso il dietro.
  • BRACCIO : Un po’ più corto della scapola. Leggermente obliquo e forte
  • AVAMBRACCIO : Piuttosto forte, verticale
  • METACARPI : Di media lunghezza, leggermente obliquo
  • PIEDI ANTERIORI : Arrotondati, di gatto. Dita serrate e ben arcuate. Cuscinetti elastici, sempre neri, dai lati ricoperti di pelo fitto.

ARTI POSTERIORI :

  • ASPETTO GENERALE : Forti, visti dal dietro diritti e paralleli, con angolazioni medie. Ossatura media. La coscia è leggermente più lunga della gamba
  • COSCIA : Di media lunghezza, piuttosto larga con muscoli ben sviluppati
  • GINOCCHIO : Puntato in avanti; media angolazione
  • GAMBA : Muscolosa
  • GARRETTO : Moderatamente disceso, di media angolazione
  • METATARSI : Piuttosto corto, forte e verticale
  • PIEDI POSTERIORI : Un po’ più lunghi di quelli anteriori; per il resto, uguali. Gli speroni dovrebbero essere rimossi

PASSO

  • Leggero, ricopre senza sforzo molto terreno. Cambia facilmente dal trotto al galoppo, che è la sua naturale andatura. Gli arti si muovono parallelamente. Quando rincorre la selvaggina, irrompe in un galoppo veloce.

PELLE

  • Tesa su tutto il corpo, senza rughe

MANTELLO

  • PELO : Piuttosto lungo sul corpo, semi-eretto o eretto, più rigido sul collo e dorso. Sulla testa e arti, ad eccezione del dietro dei posteriori, corto e aderente. Il pelo rigido sulle spalle, specialmente nei maschi, è chiaramente più lungo e più duro. Sul dietro delle cosce (calzoni) e sulla coda è lungo e fitto. Il sottopelo è corto, soffice, fitto e di colore chiaro.
  • COLORE : Il pelo sul dorso è marrone-rosso o marrone dorato, preferibilmente brillante. Di una sfumatura più chiara dentro gli orecchi, sulle guance, gola, petto, ventre, l’interno degli arti, dietro le cosce e sulla coda.
    Una lista bianca sul petto e piccole macchie bianche sui piedi sono permesse.

TAGLIA E PESO

ALTEZZA AL GARRESE :

  • Maschi                Ideale      47 cm
  • Femmine            Ideale      42 cm

PESO :

  • Maschi                       12 – 13 kg
  • Femmine                    7 – 10 Kg

DIFETTI

Qualsiasi deviazione da quanto sopra dovrebbe essere considerato difetto, e la severità con cui questo difetto va penalizzato deve essere proporzionata alla sua gravità

  • Testa pesante
  • Muso grossolano
  • Mascella inferiore debole
  • Orecchi che puntano in avanti ad angolo acuto, che sono diretti in fuori, o sono inclinati l’uno verso l’altro con le punte strettamente ravvicinate; che sono ricurvi all’indietro o orecchi che hanno lunghi peli all’interno
  • Coda troppo o troppo poco ricurva
  • Metacarpi troppo flessi
  • Pelo lungo, soffice, troppo corto o aderente
  • Pelo di molte sfumature molto diverse e nettamente definite.

DIFETTI ELIMINATORI

  • Naso color carne
  • Enognatismo o prognatismo
  • Occhi giallo brillante o gazzuoli
  • Orecchi semi-eretti
  • Coda rotta
  • Pelo ondulato o riccio
  • Sfumature di un colore chiaramente diverso da quello di base
  • Larghe macchie bianche sul petto e/o calzini bianchi
  • Disposizione chiaramente aggressiva verso gli esseri umani

N.B. : I maschi devono avere due testicoli apparentemente normali ,completamente discesi nello scroto

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*